Storia e missione

La Biblioteca di via Senato è un’istituzione culturale che nasce nel 1997 con sede in via Senato, nel pieno centro di Milano.

Nel 1998 vengono inaugurate le attività del Teatro di Verdura che per quindici anni, nella stagione estiva, ha proposto iniziative drammaturgiche e musicali che spaziavano dalla prosa antica agli spettacoli di ricerca, dalla musica classica al jazz, animando il panorama culturale milanese e riscuotendo vasti consensi di pubblico e critica.

Nel 1999 la Biblioteca diviene Fondazione Biblioteca di via Senato, con lo scopo principale, come da Statuto, di «perseguire finalità di istruzione ed educazione per l’esclusiva ricerca di una pubblica utilità», attraverso la diffusione della cultura nelle sue tante forme e con particolare attenzione allo studio del libro in tutte le sue declinazioni.

Nel corso della sua storia, la Fondazione BvS ha realizzato nei propri spazi espositivi mostre e iniziative orientate su svariati temi, spesso ispirati al suo pregevole patrimonio librario; per ogni evento sono stati collateralmente organizzati laboratori didattici e atelier, rivolti al pubblico e alle scuole.

Per diversi anni sono stati organizzati e promossi i prestigiosi eventi della Mostra del Libro Antico e del Salone del Libro Usato, occasioni che hanno trovato larghissimo consenso tra gli appassionati del mondo bibliofilo e non solo.

Nel 2004 viene fondata la BvS Edizioni, che ha curato e prodotto collane, cataloghi, repertori e guide a patrimoni archivistici di enti culturali lombardi.

Dal 2001 ad oggi si sono succeduti i principali organi di divulgazione della Fondazione:

– la rivista l’Erasmo – bimestrale della civiltà europea – uscita fino al 2006 come prezioso strumento di approfondimento su opere, fatti, persone, curiosità e storie di libri, e che ha potuto vantare la collaborazione di illustri scrittori e studiosi italiani e stranieri;

– la rivista la Biblioteca di via Senato – mensile di bibliofilia e storia delle idee che, dal 2009 ad oggi, racconta il vasto e variegato mondo dei libri antichi e moderni, di pregio e da collezione, delle novità editoriali e dei volumi introvabili, con un occhio attento alle affascinanti vicende del collezionismo librario e, ancora una volta, con la preziosa collaborazione di studiosi affermati ed emergenti.

 

Nel 2019 la Biblioteca di via Senato ha intrapreso la produzione della collana, pubblicata presso l’editore Olschki,Piccola Biblioteca Umanistica; ha avviato poi una serie di nuovi progetti per la valorizzazione e curatela del proprio patrimonio, costituito da diversi fondi, tra cui archivi di persona e collezioni tematiche di riguardevole valore e interesse storico.

 

La Fondazione BvS, nell’intento di aprire le porte alla ricerca e di assistere e coinvolgere i suoi utenti, ospita in consultazione un’ampia rotazione di testi e collezioni, promuove nuovi studi, collabora con giovani professionisti e non smette mai di progettare.